PER ANDARE IN BOSNIA SERVE IL PASSAPORTO

PER ANDARE IN BOSNIA SERVE IL PASSAPORTO


Passaporto necessario per entrare in Bosnia

Per visitare la Bosnia ed Erzegovina è necessario essere in possesso di un valido passaporto. Il documento di viaggio deve essere ancora valido almeno 6 mesi dopo la data di prevista uscita dal paese.

Requisiti del passaporto

Il passaporto per l’ingresso in Bosnia ed Erzegovina deve essere:

  • Emesso da un paese membro dell’UE
  • Contenere almeno una pagina bianca
  • In corso di validità (almeno 6 mesi)

È inoltre necessario essere in possesso di un biglietto di andata e ritorno. Se i partecipanti al viaggio sono minorenni, è necessario che sia presente un documento d’identità valido. Se il minore viaggia da solo, è prevista l’autorizzazione firmata da entrambi i genitori.

Visto di ingresso

Se si intende visitare la Bosnia ed Erzegovina per un periodo superiore ai 15 giorni, è necessario richiedere un visto presso l’Ambasciata del paese.

Per ottenere il visto, è necessario presentare i seguenti documenti:

  • Passaporto valido
  • Fotocopia del passaporto
  • Modulo compilato e firmato
  • Biglietto aereo di andata e ritorno
  • Lettera di invito (se applicabile)
  • Prova di mezzi di sostentamento
  • Assicurazione sanitaria internazionale

È importante notare che i cittadini di alcuni paesi possono entrare in Bosnia ed Erzegovina senza visto per un periodo massimo di 15 giorni. Questi paesi includono Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Regno Unito, Canada, Stati Uniti e Svizzera.

Inoltre, è necessario essere in possesso di un passaporto valido per entrare in Bosnia ed Erzegovina.

Per andare in Bosnia serve il passaporto

Chi deve viaggiare in Bosnia?

I cittadini dei seguenti paesi non devono avere un visto per visitare la Bosnia-Erzegovina: Regno Unito, paesi dell’Unione europea (UE), Svizzera, Norvegia, Islanda, Canada, USA, Australia, Nuova Zelanda, Giappone, Corea del Sud, Brasile, Argentina, Costa Rica, Cile, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Honduras, Messico e Uruguay.

Tutti gli altri devono richiedere un visto presso l’ambasciata o il consolato bosniaco più vicino.

Cosa serve per entrare in Bosnia?

Per entrare in Bosnia, tutti i viaggiatori devono avere un passaporto valido. Il passaporto deve essere valido per almeno sei mesi dopo la data di arrivo prevista. I cittadini di alcuni paesi possono avere bisogno di un visto per entrare in Bosnia.

I cittadini di alcuni paesi possono anche avere bisogno di un permesso di soggiorno o un certificato di assistenza sanitaria. Si consiglia di verificare con l’ambasciata bosniaca più vicina prima di pianificare il viaggio.

Cosa bisogna sapere sui controlli di sicurezza alla frontiera?

I controlli di sicurezza alla frontiera sono molto rigorosi e possono essere molto lunghi. Si consiglia di arrivare con un po’ di anticipo e di essere preparati a fornire informazioni sulla propria identità e motivo del viaggio.

Inoltre, è necessario avere con sé documenti come passaporto, visto, permesso di soggiorno e certificato di assistenza sanitaria, se applicabile.

Ulteriori informazioni importanti

  • I divieti di ingresso in Bosnia possono variare in base alla nazionalità. Si consiglia di verificare con l’ambasciata bosniaca più vicina prima di pianificare un viaggio.
  • I bambini devono avere un passaporto separato. I bambini che viaggiano con un genitore devono avere un passaporto separato.
  • È necessario avere un’assicurazione di viaggio. Si consiglia di acquistare un’assicurazione di viaggio prima di partire.

In conclusione, per entrare in Bosnia è necessario avere un passaporto valido. Si consiglia di verificare con l’ambasciata bosniaca più vicina prima di pianificare un viaggio per assicurarsi di avere tutti i documenti necessari. Inoltre, si consiglia di acquistare un’assicurazione di viaggio prima di partire.

Leer:  QUANTO COSA FARE IL PASSAPORTO